Informativa sulla COOKIE LAW: Questo sito utilizza solo cookie tecnici
 home page   podistica   triathlon   trail   ciclismo   criterium   società   notizie   solidarietà   fototeca   dlf   fidal   aics   links   area riservata   contatti 
Podistica Solidarietà su FacebookPodistica Solidarietà su TwitterPodistica Solidarietà su InstagramPodistica Solidarietà su YouTube

notizie gare podistiche


archivio gare podistiche


calendario gare su strada


calendario gare in regione


calendario gare trail


calendario gare all'estero


11 consigli per la maratona


archivio notizie

...basta un par de scarpe nuove e puoi girà tutto il mondo.
di Daniela Paciotti, 18/03/2012

I nosri Orange pronti alla partenza!!

I nosri Orange pronti alla partenza!!

Manfredi cantava così "basta un par de scarpe nuove e puoi girà' tutto il monno...."

Questa maratona, così desiderata e così amata l'ho preparata con un paio di scarpe nuove (collaudate nel modello e nel numero, ma appena comprate).

Quando questa mattina mi sono ritrovata a camminare verso la scalinata della foto, su via dei Normanni ho incrociato due top, anzi due TOP della Podistica, Lisa Magnago e Antonietta Scala, ma prima di loro anche Patrizia Melchior e tutte avevano le mie stesse scarpe!!

È strano, la corsa è l'unico posto dove le donne sono contente di indossare capi di abbigliamento uguali!

Comunque, questo particolare, unito al mio bibitone di Fiori di Bach a cui avevo unito Larch il fiore dell'autostima, mi ha tranquillizzato e reso disponibile al vivere questa gara con serenità e gioia.

Una foto speciale, mentre mi divertivo a disegnare i colori dell'Italia sul viso degli amici oranges e poi, zaino in spalla da depositare nei camion predisposti, una veloce, ma lenta spedizione "corporale" e in fila alla partenza.

Roma, come tutti i romani sanno, è una città speciale, perché in ogni angolo c'è in ogni sampietrino, muro o strada, è inciso il corso della storia. Nel nostro correre quotidiano (senza le scarpe da runner) non ascoltiamo quasi nulla di ciò che ci raccontano i suoi monumenti, le sue strade,mentre il suo traffico a volte pesante la solca impunemente, ma oggi no, oggi mi sono concessa di guardarla con occhi diversi, di ascoltarla senza cuffiette, di respirarla illuminata da un sole primaverile.

Sono nata e cresciuta a Roma e ho cambiato 5 volte casa, così è difficile che esista un quartiere che non abbia vissuto, da bambina o da ragazza o da donna!
Ho ritrovato le strade dove si faceva la spesa, dove prendevo l'autobus e dove i miei genitori hanno lavorato... le strade dove segnavo le prime uscite adolescenziali, persino il posto del mio primo bacio!

Ho ritrovato ricordi sommessi e ricordi urlanti, ne ho gioito e me ne sono commossa, comunque!

Ho cadenzato il mio passo come al solito con il metodo Galloway che mi permette di migliorarmi sempre e di "risparmiarmi" risparmiando ossa, giunture, legamenti e fiato: 5 minuti di corsa, 1 minuto di camminata, 5-1, 5-1.......
All'ex mattatoio ho incontrato Giuseppina, Liliana e Bruna che mi hanno accompagnato un po' lungo il mio percorso, ma sono abituata a correre da sola, a misurarmi con me stessa, ad ascoltarmi, con bonaria comprensione, ma severità, così ho fatto molto da sola, godendomi tanti monumenti, i saluti delle persone, gli incitamenti dei turisti e dei romani, coinvolti i più gioiosamente!

Intorno al 30° mi si sono affiancati Albena e Andrea, me lo avevano promesso e con mia grande gioia hanno mantenuto! Andrea però sapendo che Fabiola era in difficoltà ha deciso di tornare indietro e darle supporto..

Che bello correre con Albena che aveva un click clack a scandire iil mio passo e, non contenta, quando qualcuno ci incitava, accompagnava anche gli incitamenti... all'Argentina ho rivisto Gianfranco Novelli e click clack e poi siamo arrivate a piazza Venezia e click clack e poi via Del Corso click clack ... Albena che mi tranquillizzava sul mio passo e sulla mia corsa e mi portava.. macinavamo km come fossero caramelle di zucchero. E poi Piazza del Popolo e Fontana di Trevi e piazza Navona (o era prima?)

Devo dire che è proprio bello correre per Roma con un'amica!
...S'annamo a divertì...Nannì Nannì!!!!

A piazza Venezia riesce a raggiungerci Alessia e con lei corriamo fino al 41°. la salita dove Salvatore ci fa delle foto e corre avanti per riprenderci meglio.. poi le mie due "ragazze" vengono invitate a lasciarmi e vedendo mia figlia, comincio la corsa e camminata finale....

Alzo le braccia al cielo passo il traguardo e mi inginocchio e tra gli sguardi sorridenti bacio la mia Roma che ha corso con me, sofferto con me e ora merita ancora una volta la dimostrazione del mio amore!!!!

Sono felice ho chiuso la mia seconda Maratona dopo Firenze in 5 h 33' 25 " ben 21 minuti meglio, mi sento bene e sono soddisfatta! Vado ad abbracciare Maria, Fabio Del Vescovo, Fabio Tucci... però "qualcuno" mi aveva promesso un bacio speciale, da immortalare per la prossima Maratona, ma non lo vedo! Va bene, sarà per la prossima volta.

Grazie a tutti gli oranges incontrati sulla strada a fare il tifo e a correre!!! Grazie a Mamma Roma e Mamma Podistica!!

daniela



Albena, Daniela e Alessia

Albena, Daniela e Alessia

Gara: Maratona di Roma (18/03/2012)

SCHEDA GARA



File Attachment Icon
paciottimararomapicc.jpg
File Attachment Icon
gruppomaratona2012.jpg