Informativa sulla COOKIE LAW: Questo sito utilizza solo cookie tecnici
 home page   podistica   triathlon   trail   ciclismo   criterium   società   notizie   solidarietà   fototeca   dlf   fidal   aics   links   area riservata   contatti 
Podistica Solidarietà su FacebookPodistica Solidarietà su TwitterPodistica Solidarietà su InstagramPodistica Solidarietà su YouTube

notizie gare podistiche


archivio gare podistiche


calendario gare su strada


calendario gare in regione


calendario gare trail


calendario gare all'estero


11 consigli per la maratona


archivio notizie

Per la pupazza!!!
di Daniela Paciotti, 25/04/2012

Paciotta che corre come il vento (si vede dai capelli ...)

Paciotta che corre come il vento (si vede dai capelli ...)

La gara delle ville Tuscolane a Frascati è una bella gara, faticosa sì, ma molto bella!
 
Il percorso si snoda in mezzo alle ville, passando dall'asfaltato allo sterrato, dalle zone aperte e panoramiche a ingressi nascosti (persino un tunnel), a stradine anche un po' fangose, tra letti di foglie cadute e rivoletti non ancora  del tutto asciugati, in mezzo ai boschetti, non è mai monotono, anche quando sei stanca e la salita si fa dura anche per i più "duri" oranges!
 
Il profumo del bosco che ti fa sentire Lupo anche quando sei cappuccetto rosso!
 
Per questo ho invitato quanti più amici a cimentarsi con questa "fatica" perché le ville tuscolane spiccano in originalità di percorso rispetto a tante altre 10 km!
10 km...infatti 500 metri in più rispetto all'anno scorso che non hanno inciso più che tanto sulle mie gambe, non più di quanto le due salite iniziali non avessero messo già a dura prova...
 
Stamattina, arrivati alla zona del gazebo (anzi ormai  gazebi) siamo stati  accolti dal sorriso e dalla gioia di condivisione della task force, io poi ho avuto una vera e propria "ovazione" (forse a causa della mega torta di zì Daniela?), così svolte le formalità di rito,  abbiamo approfittato per "podisticosolidarieggiare" con nuovi (Paolo Riccobon) e vecchi (Rita, Francesca, Claudio, David) podisti, scambiarci impressioni e programmi e sorseggiare un caffè insieme...
 
Poi la foto di gruppo che riesce sempre meno a contenere tutta e tutta insieme l'ondata orange!!!
 
Ultimi preparativi dei ritardatari e pronti alla partenza!
 
Che dire? Non si conosce mai abbastanza un percorso, ma soprattutto non lo si deve sottovalutare troppo.
 
Forte di un allenamento "particolare" e molto personale  (seppure indoor) ero sicura di poter gestire al meglio le salite, al meglio+ le discese e fare un ottimo tempo.
 
In realtà mi sono letteralmente "inchiodata" a circa un km per far funzionare il mio i-pod ... dopo svariati rallentamenti e discussioni molto personali tra me e "lui" che mi hanno fatto  perdere tempo, posizioni e ... compagni di corsa mi sono arresa all'evidenza che non avrebbe funzionato e ho perso altro tempo per reinserirlo nel  mini marsupio!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
 
Sono riuscita a fare i 42 km di Roma senza e mi stavo letteralmente bloccando in una 10!!!!!!!
 
Così, irritata con me stessa (e con lui,anzi esso) ho cominciato a  prendere il ritmo, non di corsa, ma di fitwalking veloce, visto che ormai ero arrivata alle paventate salite infinite!!!!
 
Passo dopo passo (letteralmente) mi sono arrampicata superando qualche over over , accompagnandomi con una ragazza preoccupata che il suo fidanzato non le stesse dietro abbastanza, poi con un signore over 60 che ricordavo alla Roma-Ostia e che mi ha ringraziato di questo ricordo, poi "nuca dopo nuca" con l'incitamento del personale dei blocchi, ho cominciato a riprendere una discreta velocità di corsa (addirittura ho fatto 1 km di discesa a 4/km...solo uno però!) e a superare molte delle persone che erano avanti a me, circa una ventina...pensavo che avrei bissato il "sorpasso" Coccia  (fratello) dell'anno scorso negli ultimi 500 metri,ma, a malincuore  ho dovuto ammettere che il Presidente in discesa è imbattibile.
 
Anche quest'anno ho avuto un rallentamento prima dell'arrivo perché non ricordavo la curva intorno al giardino, così ho superato, poi superata,poi di nuovo superato due podisti un po' più over di me, ma poi ho preso quello sprint finale che mi contraddistingue ...
 
Infatti, amici miei, arrivare tra gli ultimi "sfrecciando" gli ultimi metri, tra le urla di incitamento di tutti (aspettavano il via per mangiare la torta?)  non ha veramente prezzo!!!!!
 
E poi volete mettere un pacco gara con la famosa pupazza? Sarà che mi ricorda la  mia infanzia, i sapori dimenticati e la famiglia di una volta, me la sono "slurpata" tutta!!!
 
Alla fine mi è stato detto che ho vinto anche un premio di categoria.(7°...)
insieme ai bravissimi, per numero di partecipanti e velocità.

 


La tipica pupazza frascatana

La tipica pupazza frascatana

Gara: Giro delle Ville Tuscolane (25/04/2012)

SCHEDA GARA



File Attachment Icon
Paciotta.JPG
File Attachment Icon
pupazzafrascatana.jpg