Informativa sulla COOKIE LAW: Questo sito utilizza solo cookie tecnici
 home page   podistica   triathlon   trail   ciclismo   criterium   società   notizie   solidarietà   fototeca   dlf   fidal   aics   links   area riservata   contatti 
Podistica Solidarietà su FacebookPodistica Solidarietà su TwitterPodistica Solidarietà su InstagramPodistica Solidarietà su YouTube

notizie gare podistiche


archivio gare podistiche


calendario gare su strada


calendario gare in regione


calendario gare trail


calendario gare all'estero


11 consigli per la maratona


archivio notizie

"noio volevam savuar..."
di David Kevorkian, 16/12/2014

riscaldamento in Orange

riscaldamento in Orange

Vi ricordate tutti l’arrivo a milano di Totò e Peppino, vero?

Ecco… così mi sono sentito alla partenza del trail dei due laghi, versione “easy”.
Per la prima volta mi accingo a partecipare ad un trail e, del tutto ignorante in materia, mi presento alla partenza come Totò e Peppino a Milano!
Nell’ordine: scarpe NUOVE di pacca, usate solo per camminarci IN CASA il giorno prima… ancora con l’etichetta attaccata! Calza corta e pantaloncino da “stradista”, come dice il severo Mr. Zacchi. Maglietta a maniche corte (e meno male che nel percorso da 10 km di rovi e di sterpaglia ne abbiamo incontrati pochi…) e soprattutto l’essenziale quanto unico camel back. Utilissimo per una 10 km comprensiva di 2 ristori super abbondanti!

Ovviamente il clima cameratesco che caratterizza il mondo orange non perdona!
Nell’ordine: Mr. Zacchi mi guarda e si mette a ridere: “Ma ‘ndo vai? Oh… fateme ‘na foto co’ questo qua!!!”.
Cristiano mi guarda sorride ed esclama: “David… dai… l’etichetta toglila dalle scarpe”.
Antonietta invece chiosa: “10 km ed un camel back… ma cosa ci hai messo dentro? Niente? Ah… è solo per provarlo?” e trattiene le risate!
E quando mi avvicino ad Andrea Covino chiedendo: “ma l’acqua per il camel back? Dove la prendo?” la risposta che mi arriva “Da casa!”… ecco… certifica del tutto la mia totale impreparazione ad affrontare un trail! In confronto, alla mia prima gara in assoluto nel lontano 2011 con la maglia orange, ero un esperto runner!
Laura e Antonella mi sfottono pure loro, mi infilo almeno i calzettoni lunghi… ma insomma, la famiglia orange è così… a chi tocca non si ingrugna, no?

Conciato quindi come uno stradista (termine “zacchiano” che ormai mi accompagnerà per sempre) ed oggetto di foto come fossi uno yeti appena uscito dall’ibernazione, inizio a guardarmi intorno. L’atmosfera è differente da quella che si vive in una “normale” 10 km di città. Pur essendo uno dei trail più partecipati, non c’è la ressa alla quale sono tristemente abituato. Ed il panorama non ha eguali: nonostante la giornata sia coperta, il lago di Bracciano è quasi mistico con la sua calma e la sua staticità circondata dalla frenesia di noi runners domenicali. Lo ammetto, sono un po’ intimorito, non so bene cosa mi aspetti. Ma proprio per questo sorrido. Insomma… saranno pure sempre solo 10 km ma… sono 10 km di natura, fango ed ovviamente orange!

Si parte, ed effettivamente dopo nemmeno 500 metri di strada, ci buttiamo in un campo, poi in prato e poi in una pozza fangosa! Mi sento molto peppa pig (e chi ha bambini piccoli, sa a cosa mi riferisco) mentre zompetto in mezzo alla mota (termine fiorentino per indicare la melma!). Un ragazzo perde la scarpa dentro la pozzanghera, io abbasso lo sguardo ed osservo le mie calzature nuove già orridamente sporche! Ma non c’è tempo, si inizia a salire, si fatica, qualche tratto lo cammino… il gps è sempre al mio polso ma per tutta la gara mi viene naturale guardare altrove!
Si sale e si scende, si entra nel bosco e si esce, si arriva a Martignano ed al ristoro volante, si riprende a salire ed una volontaria mi rassicura… la salita è finita. In realtà il percorso continua ad essere ondulato ma l’aria che si respira è divina e ci scappa anche qualche chiacchiera con i compagni di corsa. Un ragazzo si ferma, probabilmente per una contrattura o un crampo… mi fermo per soccorrerlo e all’improvvisa spunta l’esercito ad aiutarmi! Una banda di ragazzi armati di fucili soft air solleva il ragazzo infortunato ed io riparto.

L’arrivo è una festa… mi sono decisamente divertito. Arrivo al ristoro dove c’è di tutto e di più, a partire da una freschissima birra e mi godo l’arrivo della 21 km con tutti i top! Un pensiero a Gianluca Corda che arriva in 1h44’ avendo corso 25 km invece dei 21… che peccato che abbia smarrito la strada, sarebbe entrato tranquillamente nella top 10!
Si riparte, alla fine, dopo tante chiacchiere e tanti racconti. Ed una domanda che frulla nella mia testa: “a quando il prossimo trail”?


David fa domande sull'abbigliamento da trail

David fa domande sull'abbigliamento da trail

Gara: Trail dei Due Laghi 10k (14/12/2014)

SCHEDA GARA



File Attachment Icon
t1.jpg
File Attachment Icon
t2.jpg