Informativa sulla COOKIE LAW: Questo sito utilizza solo cookie tecnici
 home page   podistica   triathlon   trail   ciclismo   criterium   societÓ   notizie   solidarietÓ   fototeca   dlf   fidal   aics   links   area riservata   contatti 
Podistica SolidarietÓ su FacebookPodistica SolidarietÓ su TwitterPodistica SolidarietÓ su InstagramPodistica SolidarietÓ su YouTube

notizie gare podistiche


archivio gare podistiche


calendario gare su strada


calendario gare in regione


calendario gare trail


calendario gare all'estero


11 consigli per la maratona


archivio notizie

La Prima Maratona
di Fabio Farabullini, 24/03/2010

Edgardo LaganÓ e Lluis Peris Cancho

Edgardo LaganÓ e Lluis Peris Cancho

╚ la mia prima maratona, una sorta di salto nel buio, un tuffo nel vuoto: riuscir˛ ad arrivare alla fine? Riuscir˛ a sopportare uno sforzo cosý grande?

Dopo una impaziente attesa la partenza. L’emozione Ŕ inaspettata e fortissima, inizio a correre, non per il solito allenamento “ritagliato” tra i molti impegni quotidiani, ma per una MARATONA! Parto e non so per quanto e per dove, insieme a migliaia di sconosciuti che improvvisamente diventano compagni di viaggio, persone con le quali condividere qualcosa.

Durante le prime falcate ripeto a me stesso il “piano-gara” (scusate il retaggio cestistico) che avevo elaborato grazie ai preziosi consigli ricevuti: non guardare il cronometro o meglio guardalo solo per evitare di andare troppo veloce nei primi chilometri, controlla che i battiti si mantengano bassi, guarda distrattamente le indicazioni chilometriche, goditi Roma.

Dopo pochi chilometri vedo Patrizia, impareggiabile, con la sua macchina fotografica. Tutto procede bene; Piramide, San Paolo, Testaccio. Nei pressi del Tempio della Minerva vedo tanta gente ai lati del percorso; tra tanti incitamenti spiccano quelli degli amici della Podistica e in particolare quello del nostro grande Presidente: un’iniezione di entusiasmo.

Lungotevere, San Pietro, Piazzale Clodio, di nuovo Lungotevere. Vedo tre bambine (forse spagnole) che allungano il loro braccio e tendono le loro manine per dare e ricevere il “cinque”; repentinamente mi avvicino al lato della strada e ci scambiamo il “cinque”.

Mezza maratona: tutto bene, battiti sotto controllo, le gambe vanno senza problemi. Stadio Olimpico, Tor di Quinto; sento che le energie iniziano a scarseggiare: quanto manca al prossimo ristoro? Finalmente arrivo al ristoro; sali, banana, va meglio ma dura poco, forse Ŕ meglio camminare un poco.

Moschea; riprendo faticosamente a correre e dopo alcune centinaia di metri vedo Patrizia, impagabile, con la sua macchina fotografica e il suo grido “forza Podistica”; incredibilmente faccio di slancio i successivi 2 chilometri ma poi sento una fitta al polpaccio destro: mi sono strappato? Cammino per un po’. No, non mi sono strappato, il dolore pian piano diminuisce, ora Ŕ quasi scomparso; riprendo a correre molto lentamente, cercando di capire se riesco ad andare avanti ma improvvisamente da dietro sento un tanto inaspettato quanto rivitalizzante “dai, forza Podistica, dai, alŔ” e immediatamente dopo vengo superato da un pacemaker che mi mostra un nastro arancione legato al polso, segno di appartenenza alla nostra societÓ.

Trovo inspiegabilmente (o forse no?) nuove energie; la fatica si fa sentire, ma riprendo a correre, tranquillamente. Piazza Navona, Piazza Argentina, Piazza del Popolo, Piazza di Spagna, Fontana di Trevi, Piazza Venezia, Circo Massimo: meravigliosi scorci che aiutano a sentir meno stanchezza.

Ultimo chilometro: “dai ci sei, ultimo sforzo” ripeto a me stesso, stanco ma con tanta voglia di finire. Colosseo, l’ultima breve salita: forse Ŕ meglio farla camminando? Sento un grido provenire da un lato della strada: “forza Podistica, dai, sei arrivato!”; non ci penso su, abbandono l’idea di fare l’ultima salitella camminando, anzi accelero leggermente e in un attimo mi ritrovo su via dei Fori Imperiali.

L’arrivo: una intensa emozione, irripetibile, indimenticabile.

Grazie a tutti.



Fabio Farabullini (foto di Giuseppe Coccia)

Fabio Farabullini (foto di Giuseppe Coccia)

Gara: Maratona di Roma (21/03/2010)

SCHEDA GARA



File Attachment Icon
farabulliniroma10picc.jpg
File Attachment Icon
ceccottiroma10.jpg
File Attachment Icon
laganaperisroma.jpg