Informativa sulla COOKIE LAW: Questo sito utilizza solo cookie tecnici
 home page   podistica   triathlon   trail   ciclismo   criterium   società   notizie   solidarietà   fototeca   dlf   fidal   aics   links   area riservata   contatti 
Podistica Solidarietà su FacebookPodistica Solidarietà su TwitterPodistica Solidarietà su InstagramPodistica Solidarietà su YouTube

notizie gare podistiche


archivio gare podistiche


calendario gare su strada


calendario gare in regione


calendario gare trail


calendario gare all'estero


11 consigli per la maratona


archivio notizie

Un perfetto crescendo.
di Marziale Feudale, 10/08/2010

Giunta alla 9° edizione questa manifestazione notturna sul bel mare di Calabria si conferma ormai come punto di riferimento di tutti i runners, Calabresi e vacanzieri che cercano di mantenere vivo l’allenamento anche durante la pausa estiva…. Io vi ho partecipato al seguito dei numerosi campioni presenti e cerco di raccontarvi com’è andata…

L’atmosfera è quella delle feste paesane tipiche di mezza estate. Fin dall’ingresso in paese si possono vedere le classiche illuminazioni che inneggiano a “Maria” e che si trasformano in cartelli sportivi man mano che andiamo verso il punto di ritrovo. Tanta allegria e lungomare inaspettatamente affollato per questa manifestazione che, partendo in sordina, ha raggiunto nel corso degli anni un buon livello di popolarità e di partecipazione sia per l’ottima scelta del periodo, con tanti “runners amatori” in vacanza, sia per l’importante sponsorizzazione da parte delle istituzioni. Da anni infatti compaiono su questo circuito campioni di calibro internazionale.

Ed eccoli infatti i campioni, che si scaldano insieme agli amatori come me. Dato il clima non ce affatto bisogno di scaldarsi. La brezza marina ci regala un po' di sollievo ma è l’umidità a farla da padrone facendoci sudare già con soli pochi passi. Solo i mostri Keniani sembrano non soffrire affatto: si scaldano addirittura in tuta!

I miei passi mi sembrano piccoli mentre vedo sfrecciare il campione olimpionico EZEKIEL KEMBOI (oro 3000 mt siepi ad ATENE 2004 e Berlino 2009), L’Italiano GABRIELE DE NARD (29:57 nei 10000 cross country a Rieti 2010), il fortissimo maratoneta KOECH MATHEW KIPCHIRCHIR, (1:00 alla Mezza Maratona di Praga nel 2009) e così via…. Accidenti quanti sono : ben 18 Top Runners e noi poveri “tapascioni” dietro a seguire.

Tra le donne intravedo IVANA IOZZIA (2:34:07 3 alla Maratona di Carpi 2008), ANIKO' KALOVICS (prima nei 10000mt. con 32:33 a Budapest 2010) e diverse altre che non conosco ma ritengo siano altrettanto forti. Anche per questa categoria le Atlete “Top” sono tante: ben 10 più qualche nuova promessa.
Il percorso che è suggestivamente illuminato con torce antizanzare a bordo pista, è ben ricavato in parte dal tratto di lungomare a doppia corsia e in parte da un tratto di strada interno. Sono necessari più giri per completare le distanze previste.

La manifestazione è divisa in due manche: la gara femminile si svolge per prima ed è basata su 4 giri per un totale di 6600 mt. Interrompo il mio blando riscaldamento per potermi gustare il passaggio delle fortissime Atlete: Inutile dire che sembrano puledre al galoppo. Stupendo vederle allungare il passo nel rettilineo finale che vede vincitrice l’Ungherese Anikò Kalovics con il tempo di 21’:10”.

È la volta dei maschietti. I Campioni in prima fila e noi amatori dietro per un totale di poco più di 100 partecipanti. Per noi i giri sono 6 per un totale di 10000 mt.
Memore di una passata edizione in cui ho fatto l’errore di lasciarmi trascinare dal ritmo dei campioni, faccio uno sforzo enorme per mantenere il mio passo. Il precorso sembra pianeggiante ma non lo è. Piccole inclinazioni del terreno, cambi di direzione e curve strette rallentano tutti. Mi metto ad una media di 4:30 a km e, ovviamente mi vedo doppiato già dopo un giro e mezzo. I cavalli da corsa questa volta ce li ho a fianco. A metà del quarto giro vengo doppiato di nuovo e quando sto per terminarlo il keniano KEMBOI vince in poco più di 28 minuti.

Lo speaker si lascia andare ad elogi e complimenti mentre noi “amatori” continuiamo i nostri giri fino alla fine! Bella manifestazione, ben riuscita, veloce e agonistica quanto basta per attirare e divertire un pubblico variegato, formato da appassionati di sport, famiglie in vacanza, signore di mezza età in pieno passeggio serale, vecchiette e vecchietti in cerca di refrigerio e giovani in vena di approcciare….Il percorso su più giri ha inoltre dato modo a noi amatori di poter rivivere più volte l’emozione di correre a fianco di un campione. Bello è stato il commento di un giovane amatore che, intervistato, ha evidenziato come l’atletica, oltre ad essere uno sport completo, riesce anche a darti la possibilità di correre e scambiare impressioni con i campioni: nessun’altro sport ti offre la stessa possibilità. Se ci pensate cari amici è vero! Quale appassionato e praticante di calcio e praticante ha mai avuto la possibilità di giocare una partita con un Del Piero? stesso dicasi per altri “nobili” sports!
Questo è tutto dalla mia Calabria….. ah! Dimenticavo di dirvi come sono andato io!

Dopo mesi di alti e bassi, tartassato da vari problemi tra cui anche una infiammazione alla fascia plantare sinistra che molto lentamente sta guarendo, finalmente sono riuscito a gareggiare con il ritmo giusto (anche se leggermente più lento del solito) e anche se non in perfetta forma sono riuscito a fare una gara così come l’avevo pensata: un crescendo quasi perfetto che mi ha portato a fare il 5° e il 6° giro a 4:08 e 4:07 /km rispettivamente. Tempo finale: 44:05, 66° assoluto e 5° di categoria. Per un soffio non sono salito sul podio, il 3° stava a poco più di un minuto da me. I dettagli tecnici e la classifica finale sui siti specializzati!

A presto

Marziale


Marziale Feudale

Marziale Feudale

Gara: Corri Bianco (07/08/2010)

SCHEDA GARA



File Attachment Icon
marzialebiancopicc.jpg
File Attachment Icon
podiobianco.jpg