Informativa sulla COOKIE LAW: Questo sito utilizza solo cookie tecnici
 home page   podistica   triathlon   trail   ciclismo   criterium   società   notizie   solidarietà   fototeca   dlf   fidal   aics   links   area riservata   contatti 
Podistica Solidarietà su FacebookPodistica Solidarietà su TwitterPodistica Solidarietà su InstagramPodistica Solidarietà su YouTube

notizie gare podistiche


archivio gare podistiche


calendario gare su strada


calendario gare in regione


calendario gare trail


calendario gare all'estero


11 consigli per la maratona


archivio notizie

Correre “in casa”
di Alessia Calcagnile, 14/06/2017

Alessia: Tornare nel Salento per me ha sempre il profumo di casa e poter condividere la passione per la mia terra con chi “mi accompagna” mi da forti emozioni.
Se a questo si aggiunge la fortuna di poter fare una sgambatina in un pomeriggio d'estate tra diecimila vigne del Negramaro in un paesaggio familiare e circondata da amici l’emozione si moltiplica.

Claudio: Correre in luoghi nuovi mi regala sempre quella bella sensazione che è un mix tra curiosità ed entusiasmo e approfitto di ogni viaggio, di piacere e anche di lavoro, per scorrazzare in lungo e in largo in ogni dove. Quando Alessia mi ha detto che durante il nostro weekend nel Salento si svolgeva anche una gara tra le vigne di uno dei più noti vini del Sud, all’unisono abbiamo deciso di portare le nostre belle canotte Orange per lasciare un piccolo segno della Podistica anche lontano da casa.

Alessia: La gara di 10,3 km è stata organizzata impeccabilmente. Ospitati dalla Cantina Conti Zecca di Leverano ci ritroviamo per correre domenica alle 18.30 dopo una giornata di mare. Ospite d’onore della manifestazione è “Re” Giorgio Calcaterra, che con la sua solita simpatia si intrattiene nella fase del pregara con i partecipanti.
Il caldo non è amico delle gare estive, ciononostante circa 500 podisti lasciano le spiagge per ritrovarsi al consueto appuntamento domenicale. Anche se non vivo più in Salento da molti anni partecipare alle gare podistiche è sempre un’occasione per incontrare tante persone e scambiare quattro chiacchiere.
Il clima per fortuna oggi è dalla nostra parte, c’è un leggero venticello che rende l'aria non troppo afosa.
L’obiettivo è arrivare alla fine e godermi il paesaggio e la compagnia di Claudio, che decide di correre al mio passo. In questo periodo dell’anno la mia preparazione si concentra sul nuoto, e so di non poter ambire a grandi risultati.

Claudio: la prima cosa che mi piace notare in un pregara fuori Roma, sono le “abitudini” dei podisti. Il pregara oggi ha un clima da festa, allietata anche dalla presenza di Calcaterra: per “noi romani” la sua presenza alle gare è quasi sempre scontata, mentre a Leverano sembra essere l’evento dell’anno ed infatti Giorgio è letteralmente rincorso da tutti gli atleti e simpatizzanti che chiedono foto ed autografi.
In un angolo vedo la sorella di Alessia assorta nel far tornare i conti durante la distribuzione di pettorali e pacchi gara per la squadra locale, sorrido e penso che certe ritualità sono uguali ovunque…
Ma è quasi ora di partire: foto di rito con Calcaterra, un “per la Podistica, hip hip urrà!” sussurrato, un incitamento ad Alessia e siamo pronti per partire.


Alessia: ci posizioniamo in fondo, dopo una giornata in condizioni fisiche non perfette sono ancora indecisa se correre ma ci provo comunque.
Il percorso è bello, dopo il primo chilometro si esce dal paese per correre immersi nella campagna, circondati dai vigneti. L’aria è profumata e non ci sono macchine. Come sono fortunati i miei amici che possono correre qui e non nelle strade inquinate di Roma.

Claudio: il percorso è nuovo per me: non avevo mai corso tra vigneti! Insieme ad Alessia teniamo un ritmo molto tranquillo e ci godiamo il paesaggio, vigneti ovunque ma anche palme e ogni tanto qualche altro albero, che ci regala un po' di ombra. Corriamo e chiacchieriamo con i podisti del luogo, e tra una barzelletta e l’altra, i km scorrono veloci.
La gara è ben gestita: in 10km troviamo 3 ristori con abbondante acqua per tutti, una doccia a cascata per refrigerare i podisti, e pure un po' di tifo negli unici due incroci stradali che attraversiamo.


Alessia: Manteniamo un passo costante per tutta la gara e la chiudiamo in 1h00 netta, a un passo medio di 5.50. Dopo ci aspetta un ristoro ricco di frutta e una bottiglia di vino come pacco gara, io torno a casa soddisfatta…

Claudio: e io pure! Ho conosciuto nuovi amici podisti che avremo il piacere di rivedere a breve a Roma, ho corso in una terra profumata e incredibilmente bella, e torno a casa con una bottiglia di uno dei vini più buoni del sud Italia. E ho già chiesto ad Alessia quando mi riporta a correre nella sua terra!


Gara: Diecimila Vigne del Negroamaro (04/06/2017)

SCHEDA GARA



File Attachment Icon
g.jpg
File Attachment Icon
p.jpg