Informativa sulla COOKIE LAW: Questo sito utilizza solo cookie tecnici
 home page   podistica   triathlon   trail   ciclismo   criterium   società   notizie   solidarietà   fototeca   dlf   fidal   aics   links   area riservata   contatti 
Podistica Solidarietà su FacebookPodistica Solidarietà su TwitterPodistica Solidarietà su InstagramPodistica Solidarietà su YouTube

notizie gare podistiche


archivio gare podistiche


calendario gare su strada


calendario gare in regione


calendario gare trail


calendario gare all'estero


11 consigli per la maratona


archivio notizie

La Podistica alla mezza maratona di Cremona.
di Lucia Petrolini, 19/10/2010

Lucia e la sua meritata medaglia

Lucia e la sua meritata medaglia

Pioggia battente, sveglia alle 5:30, 21 km e 97 m di fatica, che esperienza entusiasmante!!!!

Non si tratta di facile ironia, è stato davvero affascinante riscaldarsi sotto la loggia rinascimentale del 1550 (della Bertazzola) e alzare ogni tanto lo sguardo al soffitto affrescato, occhieggiare il sorriso divertito della statua di Ercole (fondatore della città di Cremona, narra il mito) che osserva frotte di podisti impacchettati. Sì, impacchettati nelle più variegate tipologie di impermeabili (pochi), sacchetti e pacchettini (tanti), anche non proprio di nobile fattura e destinati, di norma, a non proprio nobili funzioni.

Dall’alto del suo piedistallo Garibaldi ha indicato senza sosta ai suoi “mille” il percorso. Sarà stato soddisfatto il prode eroe, i suoi storici mille sono oltre che raddoppiati (oltre 2.600 scritti): un lungo e sinuoso serpente, allo scoccare del via, si è snodato fra le vie della città, ha accerchiato il Torrazzo - torre campanaria alta 111 metri, innalzata nella seconda metà del 1200 -, ammirato il bellissimo Duomo, uno dei maggiori esempi di architettura romanica lombarda del XII secolo e il coevo Battistero ottagonale.

Mi piace pensare che lungo il percorso anche gli altri runners abbiano interpretato il leggero ticchettio delle gocce di pioggia sul selciato come una eco lontana del suono dei violini fabbricati dai liutai di cui ancora oggi Cremona è patria indiscussa.

Ma non di sola architettura e musica vive il podista, quindi è inutile negare che la soddisfazione dell’esperienza vissuta sia soprattutto da ricondurre al risultato ottenuto: nonostante anche Cremona non sia proprio piatta come farebbe pensare la sua collocazione geografica, abbiamo fatto tempi per noi impensabili: 1:44 Mario (Cappabianca) e 1:52 Lucia.

Forse la me stessa di una volta sorriderebbe di tanto entusiasmo per ritmi (quanto meno il mio) non proprio eccelsi, ma è una bella soddisfazione riscendere finalmente sotto le 2:00! Piuttosto che competere con quella ragazzetta di allora cercherò quindi di recuperare alcune accortezze che un tempo non mi sarebbero sfuggite: ad es. un paio di guanti ai primi freddi aiuta non poco, calze di ricambio dopo aver assorbito pioggia per oltre 21 km sono quasi un obbligo, soprattutto quando si deve rientrare in treno a Milano, per poi ripartire per Roma, con sosta a Bologna.

Comunque sono proprio contenta di avere ricominciato con rinnovato entusiasmo e passione l’attività podistica, accantonata per un po’. Posso proprio dire: GRAZIE MARIO per vincere la mia pigrizia e trascinarmi in queste piccole avventure… RICOMINCIO DA T(R)E (per il Presidente: non mi censurare la citazione di Troisi perché ci tengo).

Dimenticavo, non tutto è perfetto, la curiosità mi ha portato ad assaggiare la specialità della zona: la mostarda di frutta e verdura, offerta come piatto tipico locale a fine corsa…. poteva andare peggio… potevano propinarla ai posti ristoro!

Lucia Petrolini


Lucia Petrolini

Lucia Petrolini

Gara: Mezza Maratona di Cremona (17/10/2010)

SCHEDA GARA



File Attachment Icon
petrolinicremonapicc.jpg
File Attachment Icon
petrolinicremonabig.jpg
File Attachment Icon
garibaldi200.jpg