Informativa sulla COOKIE LAW: Questo sito utilizza solo cookie tecnici
 home page   podistica   triathlon   trail   ciclismo   criterium   società   notizie   solidarietà   fototeca   dlf   fidal   aics   links   area riservata   contatti 
Podistica Solidarietà su FacebookPodistica Solidarietà su TwitterPodistica Solidarietà su InstagramPodistica Solidarietà su YouTube

notizie gare podistiche


archivio gare podistiche


calendario gare su strada


calendario gare in regione


calendario gare trail


calendario gare all'estero


11 consigli per la maratona


archivio notizie

Io non sono sola, anche quando sono sola...
di Daniela Paciotti, 25/09/2012

Lo spirito di chi abbiamo amato, conosciuto, vissuto in qualche modo nella nostra vita non ci abbandona mai, mentre il suo corpo torna alla terra, il suo spirito ne diventa parte e ne manifesta la presenza quando abbiamo bisogno di una indicazione, di un sostegno, di una guida.

Ieri, mentre con gli altri Orange andavamo al Lago del Salto, uno scoiattolo dalla lunga coda ci ha tagliato velocemente la strada saltellando felice della sua libertà e del suo essere vivo e di far parte di una natura bella e pressoché incontaminata come la valle che ci accoglieva…

La gara di ieri, chiamata ancora Maratona, come le edizioni precedenti, in realtà era di 24 km, forse qualcosina di più, ma molto impegnativa, pur bellissima.
La vista del lago, di un bel verde intenso, non ci ha quasi mai abbandonato per tutto il percorso, uscendo all’improvviso tra gli alberi o occhieggiandoci sotto un ponte o da una collinetta.

Lungo il percorso, accompagnato da alberi da frutta, piccole mele rosse, pere microscopiche, ghiande e i primi ricci di castagne caduti, ci dipingevano un percorso colorato d’autunno, ma ancora con qualche ricordo estivo: bello!

Talmente bello che, a dispetto di un tempo limite, poi dimostratosi incoerente anche per una semplice mezza, ho finito per marciare e correre, marciare e correre per non perdere neanche un profumo, un colore, un canto, persino le tante lucertole disorientate.

La gara di ieri rappresentava per molti un lunghetto di preparazione per la Maratona, così ognuno, dei partecipanti l’ha interpretata a suo modo, soffrendo, ciascuno con il proprio ritmo e la propria velocità lungo un percorso in falsopiano, che disseminava una curva a sinistra e una curva a destra, una curva a sinistra e una curva a destra di seguito, con la necessità di attenzione alle gambe che tiravano oh se tiravano sui polpacci!

Il mio personale pensiero per Carlo lo ricordava così: "io non sono mai sola anche quando sono sola, Carlo corre con me!"

Così, in questi ultimi giorni in cui il nostro affetto e ricordo ha permesso a Carlo di percorrere, singolarmente e nel collettivo tutti i km che avrebbe percorso se fosse rimasto con noi, io l’ho portato a visitare il lago del Salto.

Certo, dopo aver accompagnato e portato all’arrivo tutti gli altri bravissimi orange (anche al podio di categoria) è dovuto tornare indietro e seguirmi, al mio passo più lento, ma sono sicura che lo ha fatto con gioia e con il suo grande e meraviglioso sorriso!

Che dirvi ancora di questa giornata che ha chiuso questi intensi “giorni dell’amore e del ricordo” per me e per tutti, questi giorni in cui il “minuto di silenzio” ha parlato di uno di noi, questi giorni in cui ognuno per proprio conto ha vissuto lo stupore, il dolore, la condivisione, gli attimi in cui Carlo è stato un sorriso in corsa per la Podistica!

Abbiamo anche noi, ieri nel nostro piccolo, 17 atleti, calcato il podio del primo posto di società e anche noi, come i tanti amici di Sabaudia e di tutte le altre gare in programma dove battesse un cuore orange, lo abbiamo dedicato a CARLO ORANGE FOREVER!


Daniela

------------------------------------------------------------------------
Carissimi amici Orange, la Maratona del Lago del Salto, 24 km di salite e piccole discese, è stata disputata da pochi orange, gli altri hanno preferito dispute più umane, ma tutti insieme abbiamo ricordato Carlo, tutti uniti nel suo ricordo.

In questa gara, si è avuta conferma che gli ultimi sono indispensabili quanto i primi, non solo per un discorso di filosofia matematica (perché se non ci fossero gli ultimi non ci sarebbero i primi) ma per la gioia di aver contributo a far salire la mia squadra sul gradino più alto del podio.

Salite, salite, salite, alla fine della corsa ho chiesto a Daniela: “perché abbiamo scelto questa gara massacrante?”

Gli ultimi 400 metri erano due tornanti di salita, e già stremata vedevo il traguardo come se stessi salendo la scala del Paradiso.

Alla mia domanda Daniela ha risposto: “un’atleta si sfida ogni giorno”. È vero, una gara è come la vita: sudi e soffri, ma l’obiettivo lo raggiungi sempre...ARRIVARE AL TRAGUARDO!

Giuseppina


Gara: Maratona del lago del Salto (23/09/2012)

SCHEDA GARA



File Attachment Icon
salto2012(s).jpg
File Attachment Icon
salto2012(l).jpg