Informativa sulla COOKIE LAW: Questo sito utilizza solo cookie tecnici
 home page   podistica   triathlon   trail   ciclismo   criterium   società   notizie   solidarietà   fototeca   dlf   fidal   aics   links   area riservata   contatti 
Podistica Solidarietà su FacebookPodistica Solidarietà su TwitterPodistica Solidarietà su InstagramPodistica Solidarietà su YouTube

notizie gare podistiche


archivio gare podistiche


calendario gare su strada


calendario gare in regione


calendario gare trail


calendario gare all'estero


11 consigli per la maratona


archivio notizie

GRAZIE!
di Maurizio Zacchi, 18/11/2012

La solidarietà è un concetto molto ampio. La solidarietà è impegnarsi a sostegno di cause e associazioni meritevoli, come facciamo sempre partecipando a gare importanti e vincendo premi da devolvere a sostegno di iniziative a sfondo benefico.

La solidarietà è organizzare delle gare importanti con finalità solidali, come la Formula Run Cup, e ora come la Run AID’s, che consacra il rapporto con la Caritas di Roma.

La solidarietà è impegnarsi in 1000 iniziative, come quelle che hanno avuto per oggetto il “gemellaggio” con gli amici di Finale Emilia.

La solidarietà è nel sorriso di Mabroca, in una scuola costruita in Kenia, nei pozzi realizzati in Malawi.

Oggi la solidarietà è stato qualcosa di diverso, è stato l’impegno per valorizzare una Parco periferico, una macchia verde che contende lo spazio al cemento, cercando di rendere vivibile una zona di Roma altamente popolata. Oggi la solidarietà è stata anche nel piccolo contributo che gare del genere possono dare alle attività di una Parrocchia, che, indipendentemente dalle convinzioni religiose di ognuno di noi, rappresenta un baluardo contro il dilagare del disagio sociale reso sempre più acuto dalla crisi economica in atto.

E dove c’è una causa importante, la Podistica Solidarietà c’è sempre. E oggi sono contento che il nome della nostra società sia risuonato forte anche in questo quadrante di Roma, dove la presenza di atleti orange, numericamente parlando, non è così massiccia come in altre zone.

Oggi sono stato orgoglioso di aver visto tanti amici intorno a me, tante canotte orange che hanno reso questa giornata indimenticabile. Ho vissuto come sempre questa vigilia con molta tensione. E’ sempre una responsabilità invitare degli amici in casa propria, perché la paura di deluderli è tanta. Ci pensavo mentre con Carmine e Giuseppe Petracca preparavo il campo di gara nella giornata di ieri. Vedere poi quei nuvoloni che si addensavano minacciando disastri mi aveva angosciato. La notte la mia mente era rimasta vigile nell’ascoltare la pioggia che cadeva copiosa. Immagini piene di fango si agitavano nei mie sogni.

Invece anche il tempo è stato clemente, ci ha permesso di correre in condizioni quasi ottimali e anche il fondo del Parco ha retto magnificamente, meglio di ogni previsione.

Vedere le facce stravolte ma felici dei miei amici alla fine della corsa mi ha riempito il cuore di gioia. Sentire top runner come Alberto Botta, Andrea D’Offizi, Cristiano Giovannangeli, Marco Forrest Taddei, Luca Gargiulo, Giorgio Bizzarri (solo per citare quelli che ricordo a memoria) esaltare da una parte il percorso molto competitivo e dall’altra l’atmosfera d’altri tempi di questa organizzazione familiare mi ha reso felice, anche perché si tratta di una sintesi perfetta del senso che Carmine Petracca ha voluto dare a questa gara. Ascoltare poi i commenti colmi di entusiasmo di Giovanni Golvelli, uno che le gare le conosce proprio tutte, è stato per me veramente liberatorio.

Insomma grazie a tutti, dal primo all’ultimo orange che ha voluto correre con me, con una menzione speciale per PIT che anche in questa occasione ha fatto il suo egregio lavoro di “task-force-man”.

Complimenti a Alessandro Micarelli, Tamara Arias e Marcella Cardarelli per aver portato la Podistica Solidarietà sul podio, con i loro successi di categoria.

Complimenti ad Antonella Laudazi, tornata finalmente alle gare dopo un lungo periodo di stop.

Complimenti anche a Lino Trabucco che comincia a dare continuità al suo rientro, e che oggi, insieme a Francesco Crudo ha interpretato questa prova in modo molto solidale, sostenendo un podista in difficoltà.

Complimenti a tutti i podisti solidali per avermi regalato la gioia di vedere un serpentone molto “orange” scorazzare per le vie del Parco delle Sabine.

Grazie alla Podistica Solidarietà per avermi regalato questa meravigliosa opportunità. Al Presidente e al Consiglio Direttivo che mi hanno autorizzato a sostenere questa iniziativa nonostante la contemporaneità della "Corri al Tiburtino".


Gara: Maratonina di S.Alberto Magno (18/11/2012)

SCHEDA GARA



File Attachment Icon
sabine2012r(s).gif
File Attachment Icon
sabine2012r(l).gif