Informativa sulla COOKIE LAW: Questo sito utilizza solo cookie tecnici
 home page   podistica   triathlon   trail   ciclismo   criterium   società   notizie   solidarietà   fototeca   dlf   fidal   aics   links   area riservata   contatti 
Podistica Solidarietà su FacebookPodistica Solidarietà su TwitterPodistica Solidarietà su InstagramPodistica Solidarietà su YouTube

notizie gare podistiche


archivio gare podistiche


calendario gare su strada


calendario gare in regione


calendario gare trail


calendario gare all'estero


11 consigli per la maratona


archivio notizie

È bella perché..............
di Claudia De Arcangelis, 01/09/2021

La Cortina-Dobbiaco

è la gara più bella che io abbia mai fatto, dopo la Maratona di Roma.

È bella perché parti da Cortina e arrivi a Dobbiaco.
Scontato? Eh… insomma!
Cortina, se ci arrivi la mattina presto, è magica, così vuota, silenziosa, quasi surreale.
Dobbiaco, all’arrivo, ti accoglie e ti abbraccia con la sua semplice bellezza (è detta la Porta delle Dolomiti non a caso).

La Cortina – Dobbiaco è bella perché, se dormi a Dobbiaco, la mattina presto prendi la navetta per Cortina con i tuoi amici e con altri runner come te, e ti senti emozionato come uno studente in gita mentre ti guardi intorno estasiato dal panorama che ti circonda.

È bella perché ha una lunghezza tutta sua, più di una mezza ma meno di una maratona.

La Cortina – Dobbiaco è bella perché, mentre corri, intorno a te il paesaggio cambia continuamente: Cortina e le sue stradine, lo sterrato, il bosco, una suggestiva galleria, i prati con i pascoli, le 3 Cime di Lavaredo in lontananza, i due laghi, Dobbiaco.

La Cortina – Dobbiaco è bella perché, se la sai gestire, ti dà grande soddisfazione all’arrivo (ma se l’affronti con supponenza ti taglia le gambe!).

È bella perché la salita è sì lunga (14 km), ma, a parte il tratto iniziale, “si fa correre”, è dolce, non strappa mai; proprio per questo devi saper dosare energia e velocità, perché, finita la salita, la gara non è affatto finita!
Ti aspetta la lunga discesa da correre sullo sterrato, a tratti anche sui sassi, e in corrispondenza dei due laghi c’è la pianura, che, però, se sei stanco, ti sembra salita!

E poi c’è l’ultimo tratto che ti fa entrare a Dobbiaco, dove tu sei stanca, ma, se trovi la compagnia giusta, come una runner che sta faticando come te e che ti si affianca e ti dice “Dai, che arriviamo insieme”, diventa un’ultima bellissima corsa dove fatica ed emozione si mescolano passo dopo passo fino ad un arrivo che, forse per la poca lucidità che ti è rimasta, ti sembra trionfante, con quel gonfiabile enorme ad aspettarti e lo speaker che ti sembra pronunci il tuo nome (lo avrà fatto davvero?).

La Cortina – Dobbiaco è bella perché all’arrivo ti viene da piangere guardando la medaglia e pensando “Ce l’ho fatta!”.

È bella perché il pomeriggio, finito tutto, ti puoi bere una buona birra in compagnia dei tuoi amici nella piazzetta di Dobbiaco, che ti culla nella sua tranquillità. E tu sei lì, beata, che ridi, chiacchieri e bevi.

La Cortina – Dobbiaco è bella perché ti regala un weekend denso di emozioni che ti porterai dentro per sempre.


Gara: Cortina-Dobbiaco Run (05/09/2021)

SCHEDA GARA



File Attachment Icon
1.jpg
File Attachment Icon
2.jpg