Informativa sulla COOKIE LAW: Questo sito utilizza solo cookie tecnici
 home page   podistica   triathlon   trail   ciclismo   criterium   società   notizie   solidarietà   fototeca   dlf   fidal   aics   links   area riservata   contatti 
Podistica Solidarietà su FacebookPodistica Solidarietà su TwitterPodistica Solidarietà su InstagramPodistica Solidarietà su YouTube

notizie gare podistiche


archivio gare podistiche


calendario gare su strada


calendario gare in regione


calendario gare trail


calendario gare all'estero


11 consigli per la maratona


archivio notizie

Una Fetta di cielo
di Romano Dessì, 04/07/2012

Una fetta di cielo ... accompagna la marcia di Romano

Una fetta di cielo ... accompagna la marcia di Romano

Cari amici solidali,
Domenica scorsa a Belmonte in Sabina, si è svolta una gara quasi completamente in salita.
Fin dal ritrovo, mi sentivo felice di stare li, ero contento di vedere tutti i compagni di avventura, ero contento di stare li.

Tutti i pensieri della settimana se ne erano andati, almeno per un momento.
Una fetta di cielo mi si apriva sulla testa facendomi ricordare cose passate.
Il primo era quando ero piccolo, mi chiedevo perché di giorno non si vedevano le stelle, ma poi mi spiegarono che le stelle ci sono sempre, ma che di giorno non si vedono mai.
In quella fetta di cielo ho riposto tutte le mie speranze, un po' andate disilluse. Ho sempre guardato il cielo, cercando di carpirne i suoi segreti, il perché di tanta maestosità, e nel cielo ho cercato conforto alla mia solitudine.
Chi di noi non ha pensato per un attimo a Dio come creatore massimo di tutto questo? Chi di noi non ha pensato per un attimo che in un altro mondo potrebbero esserci creature eguali a noi? Mentre camminavo ed ero solo, mi sentivo leggero come una piuma, e volavo con la mia mente da un ricordo all'altro con la leggerezza di una farfalla.
Rivedevo la mia infanzia, la mia giovinezza, passate come un fulmine a ciel sereno. Rivedevo le mie prime gare, rivedevo tutto quello che la mia mente aveva oscurato, nonostante il caldo opprimente io andavo su per quella salita senza avvertire alcun disagio.

La strada mi scivolava sotto i piedi come se pattinassi sul ghiaccio, non avvertivo la solitudine perché quella fetta di cielo mi faceva compagnia, mi parlava e mi consolava.
Ed io lo ascoltavo, cercando di capire i segnali che mi dava, ogni dubbio su come affrontare la vita, su come aiutare il prossimo, o come aiutare se stessi.
Cercavo in quella fetta di cielo di rivedere me stesso, ma non mi ci vedevo riflesso. Ma poi tutto è finito con l'arrivo, peccato il sogno era finito, ma continuerà ogni volta che partirò per una nuova avventura.

Con questo vi saluto il vostro marciatore Romano


Gara: Scalata al Castello di Belmonte (01/07/2012)

SCHEDA GARA



File Attachment Icon
fettadicielo.jpg
File Attachment Icon
CieloBig.jpg