Informativa sulla COOKIE LAW: Questo sito utilizza solo cookie tecnici
 home page   podistica   triathlon   trail   ciclismo   criterium   società   notizie   solidarietà   fototeca   dlf   fidal   aics   links   area riservata   contatti 
Podistica Solidarietà su FacebookPodistica Solidarietà su TwitterPodistica Solidarietà su InstagramPodistica Solidarietà su YouTube

notizie gare podistiche


archivio gare podistiche


calendario gare su strada


calendario gare in regione


calendario gare trail


calendario gare all'estero


11 consigli per la maratona


archivio notizie

21/09/2019
di Marco Cerisola, 01/09/2019

L’atletica è emozione, sia correndo sia ammirando gli altri correre. L’attesa della partenza è trepidazione, è un preludio che sembra non passare mai. Poi la gara coinvolge ed è un turbine di stati d’animo, di sensazioni… È una lotta di muscoli e pensieri, di adrenalina e di tossine che duellano con le endorfine. È soprattutto amore per la vita e gioia che alla fine ti fa dimenticare la fatica dell’allenamento e della competizione.

Attimi che sembravano infiniti poi volano via veloci. Quelle strade, quelle piste, quei sentieri dove sembrava che il tempo non trascorresse mai, adesso vengono calcati dai tuoi figli e li vedi volare leggeri come a te non era mai riuscito.

Così sono passati 40 anni anche da quella incredibile emozione, quando un figlio della nostra terra entrò nella storia con pochi caratteri tipografici: 19”72 !

Sono andato tante volte a festeggiare la ricorrenza di quel record e non pensavo che un giorno sarebbe toccato anche a me premiare bambini e ragazzini, incoraggiandoli a proseguire la pratica di questo meraviglioso sport.

L’attività fisica è salutare a tutte le età, ma è anche maestra di vita. Avere nella mente un fulgido esempio di impegno costante nella preparazione atletica è un meraviglioso stimolo per continuare il percorso. Grazie Pietro per esserci da faro, grazie a tutti i Maestri che ci accompagnano per mano e ci spronano per affrontare nel modo corretto questo fantastico cammino.

Commosso e felice ho partecipando al "Mennea day 2019", festa in onore del 40° anniversario del record mondiale del campione di Barletta sui 200 metri, svoltosi nello stupendo stadio “Nando Martellini” alle Terme di Caracalla con numerosi atleti, dai 6 anni in su.

C’era il presidente regionale della FIDAL, Fabio Martelli, la moglie di Pietro e la campionessa dei 100 e dei 200 metri Marisa Masullo - "l'atleta che ha vestito in assoluto più volte la maglia azzurra, vantando 79 presenze in nazionale dal 1977 al 1993" [Wikipedia].

Ovviamente c’erano anche i fantastici atleti della Podistica, ma stavolta il compito di premiarli è toccato ad altri.

E c’erano tantissimi meravigliosi sorrisi che hanno prevalso sulla malinconia per Pietro, che ci ha lasciato sei anni fa, e per i molti podisti il cui ricordo ci è sempre accanto anche se la voce non la sentiamo più.




Gara: Mennea Day [CAL] (19/09/2019)

SCHEDA GARA



File Attachment Icon
g.jpg
File Attachment Icon
g1.jpg
File Attachment Icon
p.JPG