home page   podistica   triathlon   trail   ciclismo   criterium   società   notizie   solidarietà   fototeca   dlf   fidal   aics   links   area riservata   contatti 
Podistica Solidarietà su FacebookPodistica Solidarietà su TwitterPodistica Solidarietà su InstagramPodistica Solidarietà su YouTube

notizie di solidarietà


archivio notizie

Il sostegno a distanza ai tempi del Covid-19, ma non il nostro, il loro!!!
di Arianna Carciotto, 27/04/2020

Progetto scuola Sudafrica

Dalla referente dell’associazione MAIS in Sudafrica e in e-Swatini ci giungono notizie relative al fatto che anche in quell’area geografica, come si apprende anche dai media, stanno vivendo il lock down completo. La chiusura totale delle attività e il confinamento nelle proprie abitazioni ha, in quelle regioni, ripercussioni importanti su scuole e università, a fronte di una popolazione non digitalizzata nelle zone più povere, caratterizzate peraltro anche da problemi di affollamento e difficoltà di mantenere una distanza di sicurezza tra le persone. In alcuni casi, i bambini sono stati allontanati dalle città per andare a stare temporaneamente da alcuni parenti in zone agricole con minore densità abitativa. In questo difficile contesto, la referente del MAIS continua a fare il possibile per monitorare le varie situazioni con i mezzi tecnologici a disposizione.
Una nota di amore che ci riempie il cuore sono i bambini più piccoli seguiti dall’associazione che si preoccupano per noi, ci chiedono se siamo al sicuro e se abbiamo bisogno di cibo, in vero stile africano, manifestandoci tutto il loro affetto e solidarietà.



Progetto a Rio e Nuova Iguaçu

Anche la vita in Brasile ai tempi del Covid-19 non è facile, considerando le condizioni di povertà delle famiglie dei ragazzi che fanno parte del progetto. Le precarie condizioni igieniche e il sovraffollamento delle favelas e di molti quartieri periferici delle grandi città brasiliane rendono molto difficile monitorare con certezza la reale situazione sanitaria del momento.
Sfortunatamente, il Centro Culturale a Mesquita, Rio de Janeiro, ha sospeso tutte le attività già dalla metà di marzo per salvaguardare la salute di tutti coloro che lo frequentavano. La preoccupazione è più elevata per coloro che sono senza reddito garantito e si guadagnano da vivere giornalmente.
Non appena sarà possibile i corsi e le attività del Centro Culturale verranno ripresi con più entusiasmo di prima, considerando che in questo ultimo anno sono aumentati e rilevano un numero sempre più alto di nuovi iscritti.

Che dire, di fronte a tanta commovente solidarietà nei nostri confronti, non ci rimane altro che proseguire e rafforzare il nostro sostegno. Forza Orange!




File Attachment Icon
g1.png
File Attachment Icon
g.png
File Attachment Icon
p.png