Informativa sulla COOKIE LAW: Questo sito utilizza solo cookie tecnici
 home page   podistica   triathlon   trail   ciclismo   criterium   società   notizie   solidarietà   fototeca   dlf   fidal   aics   links   area riservata   contatti 
Podistica Solidarietà su FacebookPodistica Solidarietà su TwitterPodistica Solidarietà su InstagramPodistica Solidarietà su YouTube

notizie gare podistiche


archivio gare podistiche


calendario gare su strada


calendario gare in regione


calendario gare trail


calendario gare all'estero


11 consigli per la maratona


archivio notizie

Suicidio-Prevenire il
di Giuseppe Biafora, 12/09/2010

Munch: l'urlo

Munch: l'urlo

Nel mondo un suicidio ogni 40 secondi, un tentativo di suicidio ogni 3 secondi.
Ottocentomila di morti all’anno con tendenza all’aumento.
Più delle guerre in corso.

Ce n’è abbastanza per dire che si tratta di un male nascosto che colpisce i più fragili, spesso i più sensibili, un male che probabilmente abita molto vicino a noi. Che sicuramente ci è capitato di sfiorare nella cerchia di conoscenti o su un autobus.

Ce né abbastanza per dire che il primo strumento a disposizione per battere il suicidio dovrebbe essere la parola: portarlo allo scoperto senza pudori, convincere le persone a rischio suicidio a chiedere aiuto con la stessa consapevolezza e spontaneità che per qualche altro problema.

Cominciamo con l'imparare a pronunciare suicidio e persona a rischio suicidio a voce alta e non sommessamente, perché se una parola la dici a voce alta vuol dire che la guardi in faccia e se la guardi in faccia vuol dire che sei disposto ad affrontarla.

Apriamo gli armadi perché non si riempiano di muffa.
Ve ne parlo perché il 12 settembre ho partecipato alla 6 km non competitiva The Race for the Life ideata dal prof. Maurizio Pompili, coordinatore della ricerca sul suicidio, Cattedra di Psichiatria, II Facoltà di Medicina e Chirurgia, Università La Sapienza di Roma.

La Cattedra di Psichiatria della II Facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università di Roma "La Sapienza" e il Centro per lo Studio e la Prevenzione dei Disturbi dell'Umore e del Suicidio sono diretti dal prof. Roberto Tatarelli.
Un posto dove sono pronti e preparati a dare una mano.

Degli Orange erano presenti anche PATrizia De Castro e Pino Coccia (il Grande).
Era la prima edizione, circa 200 podisti. Organizzazione del CNES (Comitato Nazionale Educazione Sportiva) e di Maratona di Roma.

Vi segnalo di seguito il link del Gruppo di Ricerca http://www.prevenireilsuicidio.it/indexcentro.htm
invitandovi a visitarlo per cominciare a prendere dimestichezza senza tabù con questa cosa chiamata suicidio, così come abbiamo imparato a farlo con cancro, handicap, aids, alcolismo, tossicodipendenza, ecc.

P.S. doveroso: non è mia intenzione semplificare l’evento suicidio, effetto sempre, e non causa, di vissuti complessi e delicati. Come pure sono consapevole che è la povertà a suicidare circa 20.000 contadini indiani ogni anno.

Mi permetto solo di dire che alle nostre latitudini una richiesta di aiuto è possibile. Un aiuto che potrebbe aiutare a guardare a certe situazioni sotto una luce diversa ed a vedere o intraprendere soluzioni che diversamente non avremmo visto od intrapreso.


Porgere la mano

Porgere la mano



File Attachment Icon
Porgere_Una_Mano.jpg
File Attachment Icon
Maurizio_Pompili.jpg
File Attachment Icon
Munch_L'Urlo_Grande.jpg